INDICE DELLA STAGIONE

 

La nascita

 

Il campionato

 

La squadra

 

Le statistiche

 

image002

 

Il diciottenne Giovanni Dosi: fondatore, animatore e primo presidente del Piacenza Calcio

STAGIONE 1919/1920

 

Promozione emiliana

 

L’ALBA DEI BIANCOROSSI

 

Estate del 1919: dalla confluenza di piccole e medie realtà calcistiche piacentine muove i primi passi la creatura che è destinata a diventare il Piacenza F.C. Il primo presidente è uno studente, appassionato di calcio (lui stesso giocatore) e animatore del movimento piacentino: Giovanni Dosi. Con l’aiuto di altri appassionati (meno...imberbi e più anziani) si risolvono uno dopo l’altro tutti i problemi legati alla creazione di una nuova realtà. Si reperisce un campo, fuori Porta Cavallotti; si provvede all’affiliazione alla FIGC; si completa infine il parco giocatori. Sono quasi tutti militari o ex militari, più alcuni piacentini: un’abitudine destinata a durare a lungo. Spiccano il gigantesco portiere Fontana e il capitano Mario Giumanini, entrambi milanesi. Di calciomercato non si parla, gli ingaggi si concludono con una stretta di mano, magari nella prima sede, la “Latteria Moderna” di via Garibaldi. I primi passi della nuova realtà sono tutt’altro che traballanti: il girone (che comprende anche Parma, Spal e Reggiana) è vinto in scioltezza dalla “compagine concittadina”, come veniva chiamata. Una vittoria peraltro puramente platonica, dato che tutte le squadre (tranne il fanalino di coda Audace Bologna) vengono promosse in Prima Categoria.

 

Torna all’indice generale