INDICE DELLA STAGIONE

 

Il campionato

 

La squadra

 

Le statistiche

 

Coppa Italia

 

Album Biancorosso

 

 

Armando Madonna, richiamato a novembre per dare sicurezza alla fascia destra

STAGIONE 1991/1992

 

SERIE B

 

 

LA PRIMA PIETRA DELLA GRANDE AVVENTURA

 

Il campionato di serie B 1991/1992 si trova a fare da cuscinetto tra due promozioni, ma non per questo perde la sua specificità; anzi, spesso una salvezza così sudata (ottenuta con un grande rush finale) rappresenta un autentico trampolino di lancio. Eppure la società aveva operato in modo di garantirsi una tranquilla permanenza in serie B: confermato Cagni e lo zoccolo duro della promozione (con l’eccezione di Cornacchini), erano arrivati giovani interessanti (Di Cintio e Brioschi) oltre a giocatori di qualità ed esperienza come Fioretti, Lucci e il cavallo di ritorno Armando Madonna, grande ala destra con Rota. All’orizzonte spunta anche un centravanti destinato a fare la storia recente del Piacenza Calcio: Antonio “Totò” De Vitis, scaricato dal’Udinese dopo un grave infortunio e ricostruito in biancorosso. E’ lui il grande trascinatore verso la salvezza con le sue 17 reti. Ma questo risultato arriva non solo dai piedi di Totò: non si possono scordare la grinta di Chiti, di Papais, di capitan Di Fabio, e la qualità dei giovani Piovani e Moretti, protagonisti di una salvezza centrata solo un’altra volta nella storia, con Rota nel 1988.

 

 

 

Torna all’indice generale