INDICE DELLA STAGIONE

 

Il campionato

 

La squadra

 

Le statistiche

 

Coppa Italia

 

 

Il solito grande Gaddoni non basta: in serie B va il Fanfulla

STAGIONE 1937/1938

 

SERIE C girone B

 

SPAREGGI STREGATI

 

La mancata promozione lascia comunque nell’ambiente sportivo piacentino concrete intenzioni di riprovarci. Per raggiungere la serie B, tuttavia, la società presieduta da Augusto Orsi cambia strategia e rinnova profondamente i ranghi della squadra. Partono Ratti, Betti, Sina, Rossetti II, Bianchi e Chiesa, mentre il gioiello Puppo approda all’Ambrosiana in serie A. Spuntano volti nuovi: il trio mediano Brescia-Travagin-Vergnano, il regista avanzato Melandri, l’ala bolognese Budini. Da Codogno arriva Ganelli, giovanissima mezzala che si metterà particolarmente in luce. Al centro dell’attacco ancora Gaddoni, validamente supportato da uno scintillante Cella. L’avvio di campionato è tutt’altro che brillante: la squadra denuncia problemi di amalgama e l’allenatore Corna sceglie un assetto più coperto, rinunciando a Ganelli per avanzare capitan Zanasi. I biancorossi hanno il merito di rimanere agganciati al treno delle migliori, e sfruttando il grande equilibrio in vetta chiudono l’andata al terzo posto, nonostante le frequenti assenze di Gaddoni. Un trampolino di lancio per un grande girone di ritorno: imbattibili a Barriera Genova, gli uomini di Corna decollano in primavera staccando una dopo l’altra tutte le avversarie per raggiungere la capolista Fanfulla. L’aggancio riesce a tre giornate dal termine, con la vittoria a tavolino di Lecco, e le due squadre finiranno a braccetto il campionato. La soluzione dello spareggio, già infausta alcune stagioni prima, non arride ai biancorossi: privi di capitan Zanasi, vengono rimontati e battuti nel finale dal tenace Fanfulla, che sale in serie B. Insieme all’ormai prossimo conflitto mondiale si apre un periodo di lento declino per la “Piacenza Sportiva”.

 

Torna all’indice generale